Back to all insights

Ferrari: tra risultati record e previsioni ottimistiche, il titolo vola al suo massimo storico

Ferrari è una delle aziende più prestigiose e riconoscibili nel mondo dell’automobilismo, sia per la produzione di auto sportive di lusso, sia per la partecipazione alla Formula 1. Il titolo Ferrari ha raggiunto il suo massimo storico di 391,42 dollari il 29 gennaio 2024, dopo aver annunciato i risultati finanziari del 2023 e le previsioni per il 2024. Tuttavia, il 2 febbraio 2024, il titolo ha subito una correzione del 2,62%, chiudendo a 379,25 dollari. In questo articolo, cerchiamo di analizzare gli aspetti fondamentali, tecnici e le news che riguardano il titolo Ferrari, al fine di valutare la sua solidità, il suo potenziale e le sue opportunità di investimento.

Ferrari (NYSE:RACE) è una delle aziende più prestigiose e riconoscibili nel mondo dell’automobilismo,
sia per la produzione di auto sportive di lusso, sia per la partecipazione alla Formula 1.

Il titolo Ferrari ha raggiunto il suo massimo storico di 391,42 dollari il 29 gennaio 2024, dopo aver annunciato i risultati finanziari del 2023 e le previsioni per il 2024. Tuttavia, il 2 febbraio 2024, il titolo ha subito una correzione del 2,62%, chiudendo a 379,25 dollari.

Quali sono le ragioni di questa performance e quali sono le prospettive future per il titolo Ferrari? In questo articolo, cercheremo di rispondere a queste domande, analizzando gli aspetti fondamentali, tecnici e le news che riguardano il titolo Ferrari.

 

titolo-ferrari-macchina-borsa-mercati-finanziari-christian-ciuffa-blog

Ferrari tra risultati record e previsioni: fatturato e vendite superiori rispetto agli ultimi anni

Ferrari ha chiuso il 2023 con dei risultati record, superando le aspettative degli analisti.
Il fatturato è salito del 19,3%, raggiungendo i 5,1 miliardi di euro, mentre l’utile netto è aumentato del 12,3%, arrivando a 932,6 milioni di euro. Il margine operativo è stato del 23,6%, il più alto tra i produttori di auto.

Il numero di consegne è stato di 11.089 unità, in crescita del 9,9% rispetto al 2022. Ferrari ha
beneficiato della forte domanda per i suoi modelli, in particolare per le sue auto ibride, come la SF90
Stradale e la SF90 Spider, che rappresentano il 20% delle vendite. Ferrari ha anche aumentato il suo
dividendo annuale a 2 dollari per azione, con una resa dello 0,51%.

Per il 2024, Ferrari ha confermato le sue previsioni, prevedendo un fatturato di circa 5,8 miliardi di
euro, un utile netto di circa 1,1 miliardi di euro e un margine operativo di circa il 24%2. Ferrari ha
inoltre annunciato di voler lanciare tre nuovi modelli nel 2024
, tra cui la sua prima auto elettrica, che
dovrebbe arrivare nel 2025.

L’azienda ha anche dichiarato di voler aumentare la sua presenza nel settore del lifestyle, con il lancio di una nuova linea di abbigliamento e accessori, in collaborazione con il marchio di moda Armani. Infine, Ferrari ha espresso la sua ambizione di tornare a vincere nel campionato di Formula 1, dopo aver ingaggiato il pilota britannico Lewis Hamilton, sette volte campione del mondo, per la stagione 2024/2025.

Ferrari tra risultati record e previsioni: un’azienda solida e in crescita nel
settore lusso

In base a questi dati, possiamo affermare che Ferrari è un’azienda solida, redditizia e in crescita, che
ha saputo mantenere la sua esclusività e il suo appeal nel mercato delle auto sportive di lusso,
nonostante la crisi economica che tergiversa da 3 anni al livello mondiale.

Ferrari ha anche dimostrato di saper innovare e diversificare la sua offerta, puntando sull’elettrificazione, sul lifestyle e sullo sport.

Gli analisti sono in gran parte favorevoli al titolo Ferrari, assegnandogli un rating medio di acquisto
moderato e un prezzo obiettivo medio di 300 dollari
, con un potenziale ribasso di circa il 15%
rispetto al prezzo attuale.

Clicca qui sotto per il mio ultimo Video

Ferrari tra risultati record e previsioni: il grafico sfiora i 400$

Il titolo Ferrari ha mostrato una forte tendenza rialzista nel 2023, passando da un minimo di 237
dollari il 16 marzo 2023 a un massimo di 361 dollari il 2 febbraio 2024, con un incremento del 55,2%.
Il titolo ha rotto al rialzo la resistenza di 300 dollari, che corrisponde al massimo del 2023, il 6
novembre 2023, ma definitivamente il 31 gennaio 2024, dopo aver pubblicato i risultati finanziari del
2023.

Il titolo ha poi consolidato i suoi guadagni, rimanendo sopra il livello di 320 dollari per due
sedute consecutive, prima di subire una correzione il 2 febbraio 2024, scendendo a 344 dollari.

Il volume di scambio è stato elevato durante la fase rialzista, indicando una forte domanda per il titolo,
mentre è diminuito durante la fase di correzione, indicando una debolezza della pressione ribassista.

Dal punto di vista tecnico, il titolo Ferrari si trova in una zona di ipercomprato, come evidenziato
dall’indicatore RSI (Relative Strength Index), che ha raggiunto il valore di 87 il 29 gennaio 2024, ben
sopra il livello di 70, che segnala una possibile inversione di tendenza.

Il titolo ha anche formato una divergenza negativa tra il prezzo e l’indicatore MACD (Moving Average
Convergence Divergence), che mostra una perdita di slancio rialzista, quindi potrebbe subire una
fase di correzione o di consolidamento, prima di riprendere la sua tendenza rialzista.

I livelli chiave da monitorare sono il supporto di 300 dollari, che corrisponde alla precedente resistenza e alla media mobile a 50 giorni, e la resistenza di 338 dollari. Una rottura al ribasso del supporto potrebbe portare il titolo a testare il livello di 300 dollari, mentre una rottura al rialzo della resistenza potrebbe portare il titolo a raggiungere il livello di 380 dollari.

Da notare il nodo volumetrico a 280 dollari e quello in confluenza con i 317 dollari, come possibili
zone di nuovo test prima di giungere al supporto di lungo periodo a 280 dollari.
Il ciclo tecnico rialzista sembra essere finito per proporci uno correttivo.

ferrari-grafico-febbraio-2024-christian-ciuffa

Ferrari tra risultati record e previsioni: cosa dicono le ultime news

Il titolo Ferrari è stato e sarà influenzato da diverse news, nel corso del 2023 e del 2024, sia positive
che negative.

Tra le news positive ci sono:

  • La pubblicazione dei risultati finanziari del 2023 e delle previsioni per il 2024, che hanno
    superato le aspettative degli analisti e hanno mostrato una forte crescita e redditività
    dell’azienda.
  • L’annuncio dell’ingaggio di Lewis Hamilton per la stagione 2025 di Formula 1, che ha creato
    grande entusiasmo tra i fan e ha rafforzato l’immagine e la reputazione di Ferrari nel mondo
    dello sport.
  • La conferma del lancio di tre nuovi modelli nel 2024, tra cui la prima auto elettrica di Ferrari
    che ha dimostrato la capacità di innovazione e di adattamento di Ferrari alle nuove tendenze
    e alle nuove esigenze dei consumatori.

Tra le news negative, ci sono:

  • La concorrenza sempre più agguerrita di altri produttori di auto sportive di lusso, come Lamborghini, Aston Martin e McLaren, che hanno lanciato o hanno in programma di lanciare dei nuovi modelli, sia elettrici che ibridi, per sfidare il dominio di Ferrari nel mercato.
  • La possibile introduzione di una tassa sulle auto di lusso negli Stati Uniti, che potrebbe destabilizzare il titolo nel breve periodo in un mercato che rimarca una buona fetta di fatturato aziendale.

more insights

inflazione-2024-previsioni-febbraio-christain-ciuffa-blog-insight

Inflazione 2024: cosa ci dicono i dati di gennaio e quali sono le previsioni per febbraio

L’articolo analizza i dati dell’inflazione a gennaio 2024 negli Usa e in Europa, mostrando una crescita superiore alle attese nel primo caso e in linea con le previsioni nel secondo. Le cause principali sono i prezzi dell’energia e dei beni alimentari. Le previsioni per febbraio sono incerte, ma si prevede una maggiore divergenza tra le due aree. L’Italia potrebbe subire una perdita di potere d’acquisto. Le banche centrali dovranno agire con prudenza e flessibilità.

Read more >
Intel-christian-ciuffa-analisi-tecnica-borsa-trading-investimento

Intel: un titolo da tenere d’occhio nel settore dei semiconduttori

Intel è un’azienda leader nel settore dei semiconduttori, che ha avuto un anno difficile nel 2023, ma che prevede di riprendersi nel 2024, grazie alla ripresa dei mercati tradizionali e alla penetrazione dei mercati emergenti. Intel ha una solida posizione finanziaria, una generosa politica di remunerazione degli azionisti e una valutazione di mercato inferiore alla media del settore. Tuttavia, il titolo ha subito una forte correzione nel 2024, dopo aver annunciato una guidance deludente per il primo trimestre, e si trova in una situazione di ipervenduto e di tendenza ribassista. Il titolo potrebbe quindi offrire delle opportunità di investimento, sia per gli acquirenti che per i venditori, a seconda dell’evoluzione del prezzo e dei volumi

Read more >
christain-ciuffa-mercati-fianziari-2-febbraio-2024-big-tech-usa

Mercati finanziari: giornata positiva grazie a USA e Big Tech

I mercati finanziari hanno mostrato ottimismo grazie ai dati sull’occupazione USA e ai conti delle Big Tech, che hanno spinto al rialzo gli indici azionari globali. Il Bitcoin, invece, è sceso per la concorrenza degli ETF. Sullo sfondo, le crisi di Evergrande e della Silicon Valley Bank hanno creato tensione e incertezza. Il FTSE MIB ha beneficiato di Telecom Italia e Stellantis, mentre l’ETF sui mercati globali ha sfruttato la ripresa economica mondiale.

Read more >

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *