Back to all insights

L’ultima corsa dei mercati finanziari

Dire che i mercati crolleranno è un’affermazione che può essere considerata valida in questo momento.

L’azionario, se pur indebolito  da notizie e trimestrali non eccessivamente grandiosi, è sulla via di una staticità che contraddistingue di solito una fase di indecisione e di moderazione all’investimento.

Il sentiment generalizzato sembra dar ragione all’ambiente FED (Federal Reserve) che mira a raggiungere il famigerato “atterraggio morbido” sebbene gli indicatori e le condizioni economiche tendono verso una recessione inevitabile, se non si  prendono decisioni appropriate.

Per ora dobbiamo basarci su ciò che i grafici ci mostrano e su ciò che riusciamo ad anticipare guardandoli con l’occhio dell’esperienza, confrontando i dati e cercando di essere il più attenti possibile al rischio operativo.

 

Insomma situazione non semplice.

I mercati tendono ad avere una curva sempre più ampia tendente verso i minimi storici, che potrebbero arrivare presto, coadiuvando quello che stiamo osservando in medio oriente, in Europa e le decisioni delle banche centrali e la moderazione degli investitori.

L’ultima corsa dei mercati: la fine del 2023

La vita non sarà per niente facile: come intuiamo dal grafico ci stiamo avvicinando in un clima di moderazione e distacco dall’investimento più rischioso.
Le guerre in atto, le decisioni Fed e le forti pressioni sull’Europa stanno portando ad una crisi di portata maggiore rispetto alle aspettative; ovviamente niente a che vedere con la crisi pandemica 2020, ma sicuramente portatrice di crolli più o meno diffusi.

 

more insights

inflazione-2024-previsioni-febbraio-christain-ciuffa-blog-insight

Inflazione 2024: cosa ci dicono i dati di gennaio e quali sono le previsioni per febbraio

L’articolo analizza i dati dell’inflazione a gennaio 2024 negli Usa e in Europa, mostrando una crescita superiore alle attese nel primo caso e in linea con le previsioni nel secondo. Le cause principali sono i prezzi dell’energia e dei beni alimentari. Le previsioni per febbraio sono incerte, ma si prevede una maggiore divergenza tra le due aree. L’Italia potrebbe subire una perdita di potere d’acquisto. Le banche centrali dovranno agire con prudenza e flessibilità.

Read more >
Intel-christian-ciuffa-analisi-tecnica-borsa-trading-investimento

Intel: un titolo da tenere d’occhio nel settore dei semiconduttori

Intel è un’azienda leader nel settore dei semiconduttori, che ha avuto un anno difficile nel 2023, ma che prevede di riprendersi nel 2024, grazie alla ripresa dei mercati tradizionali e alla penetrazione dei mercati emergenti. Intel ha una solida posizione finanziaria, una generosa politica di remunerazione degli azionisti e una valutazione di mercato inferiore alla media del settore. Tuttavia, il titolo ha subito una forte correzione nel 2024, dopo aver annunciato una guidance deludente per il primo trimestre, e si trova in una situazione di ipervenduto e di tendenza ribassista. Il titolo potrebbe quindi offrire delle opportunità di investimento, sia per gli acquirenti che per i venditori, a seconda dell’evoluzione del prezzo e dei volumi

Read more >
titolo-ferrari-christian-ciuffa-blog-borsa-mercati-finanziari-

Ferrari: tra risultati record e previsioni ottimistiche, il titolo vola al suo massimo storico

Ferrari è una delle aziende più prestigiose e riconoscibili nel mondo dell’automobilismo, sia per la produzione di auto sportive di lusso, sia per la partecipazione alla Formula 1. Il titolo Ferrari ha raggiunto il suo massimo storico di 391,42 dollari il 29 gennaio 2024, dopo aver annunciato i risultati finanziari del 2023 e le previsioni per il 2024. Tuttavia, il 2 febbraio 2024, il titolo ha subito una correzione del 2,62%, chiudendo a 379,25 dollari. In questo articolo, cerchiamo di analizzare gli aspetti fondamentali, tecnici e le news che riguardano il titolo Ferrari, al fine di valutare la sua solidità, il suo potenziale e le sue opportunità di investimento.

Read more >