Back to all insights

Intel fa scivolare il Nasdaq, ma l’Europa brilla

Intel pesa sul Nasdaq: Il colosso dei chip ha deluso le aspettative sugli utili e ha trascinato al ribasso il settore tecnologico americano. LVMH traina l’Europa; l’ottimismo è forte sulle azioni: Gli investitori hanno affluito nei fondi azionari globali, scommettendo su una stagione di utili robusti e su una politica monetaria accomodante: l’atterraggio morbido è possibile L’Asia resta cauta: Le azioni cinesi e di Hong Kong hanno interrotto il rally, nonostante i nuovi stimoli da Pechino.

 Il colosso dei chip Intel delude le aspettative e trascina al ribasso il Nasdaq, mentre l’Europa beneficia dei solidi risultati di LVMH.
Il mercato azionario americano interrompe il suo rally di sei giorni, mentre il mercato europeo raggiunge nuovi massimi grazie al settore del lusso.

_527dedcf-6b6c-4e36-b757-8fab7759bf35

Intel pesa sul Nasdaq

Il Nasdaq 100, l’indice che raggruppa le principali società tecnologiche americane, ha aperto in calo venerdì, dopo una previsione degli utili cupa da parte di Intel Corp., il leader mondiale nella produzione di chip.

Intel ha registrato un calo del 12% negli scambi pre-mercato, dopo aver annunciato che i suoi utili per il primo trimestre sarebbero stati inferiori alle attese degli analisti e che la domanda nel lucrativo mercato dei chip per data center era debole.

Anche i suoi rivali, come Advanced Micro Devices Inc. e Nvidia Corp., hanno subito delle perdite, trascinando al ribasso l’intero settore tecnologico. I contratti del Nasdaq sono scesi dello 0,5%, mentre quelli dell’S&P 500 sono scesi dello 0,2%.

LVMH traina l’Europa

L’umore in Europa, invece, è rimasto ottimista, grazie ai solidi risultati di LVMH, il produttore di borse Louis Vuitton e di altri marchi di lusso.

 LVMH ha riportato una crescita delle vendite del 10% nel quarto trimestre, superando le previsioni degli analisti e mostrando che la domanda di prodotti di lusso è rimasta forte nonostante il rallentamento della Cina, il suo principale mercato.

Le azioni di LVMH sono salite del 10%, raggiungendo un nuovo record, e hanno sollevato altri titoli del settore del lusso, come Moncler SpA e Richemont.

L’indice Stoxx 600, che comprende le principali società europee, è salito al massimo degli ultimi due anni, guadagnando lo 0,9%.

 

Clicca qui sotto per il mio ultimo Video

LVMH traina l’Europa

Nonostante la battuta d’arresto del Nasdaq di venerdì, l’ottimismo è forte sulle azioni a livello globale.

Gli investitori hanno incanalato 17,6 miliardi di dollari nei fondi azionari globali nella settimana fino al 24 gennaio, secondo i dati EPFR citati dagli strateghi della Bank of America Corp., mentre i fondi azionari statunitensi hanno incassato 5,3 miliardi di dollari.

I guadagni sono alimentati da una stagione di utili robusti e dalla convinzione che la Federal Reserve e la Banca Centrale Europea si stiano preparando a tagliare i tassi di interesse per sostenere la crescita economica.

tradingview-christian-ciuffa-1mc-louis-vuitton

L’atterraggio morbido è possibile: l’inflazione è sotto controllo

L’ipotesi di un atterraggio morbido per l’economia statunitense è stata confermata dai dati sul prodotto interno lordo pubblicati giovedì, che hanno mostrato una crescita del 3,3% nel quarto trimestre, in rallentamento rispetto al trimestre precedente ma ben al di sopra delle aspettative.

Venerdì gli investitori riceveranno un’altra lettura chiave delle pressioni sui prezzi negli Stati Uniti, con il rilascio dell’indice principale della spesa per consumi personali, l’indicatore preferito dalla Fed dell’inflazione sottostante.

I bund tedeschi hanno prolungato il rally innescatosi giovedì, quando la presidente della BCE Christine Lagarde si è pronunciata in sordina, affermando che la banca centrale potrebbe iniziare ad abbassare i tassi di interesse intorno alla metà del 2024.

L’Asia resta cauta

In precedenza in Asia, le azioni cinesi e di Hong Kong erano scese dopo il più grande rally di tre giorni dal 2022, scrollandosi di dosso nuovi segnali di stimolo da Pechino.

Il governo cinese ha annunciato di aver ridotto il requisito di riserva obbligatoria per le banche, una mossa che dovrebbe liberare circa 800 miliardi di yuan (116 miliardi di dollari) di liquidità nel sistema finanziario. 

Tuttavia, la Bank of America ha evidenziato un afflusso record di 12,1 miliardi di dollari nei fondi azionari cinesi, un possibile segnale che gli investitori stanno rientrando in punta di piedi nel mercato martoriato dalla guerra commerciale con gli Stati Uniti e dal rallentamento della crescita.


more insights

inflazione-2024-previsioni-febbraio-christain-ciuffa-blog-insight

Inflazione 2024: cosa ci dicono i dati di gennaio e quali sono le previsioni per febbraio

L’articolo analizza i dati dell’inflazione a gennaio 2024 negli Usa e in Europa, mostrando una crescita superiore alle attese nel primo caso e in linea con le previsioni nel secondo. Le cause principali sono i prezzi dell’energia e dei beni alimentari. Le previsioni per febbraio sono incerte, ma si prevede una maggiore divergenza tra le due aree. L’Italia potrebbe subire una perdita di potere d’acquisto. Le banche centrali dovranno agire con prudenza e flessibilità.

Read more >
Intel-christian-ciuffa-analisi-tecnica-borsa-trading-investimento

Intel: un titolo da tenere d’occhio nel settore dei semiconduttori

Intel è un’azienda leader nel settore dei semiconduttori, che ha avuto un anno difficile nel 2023, ma che prevede di riprendersi nel 2024, grazie alla ripresa dei mercati tradizionali e alla penetrazione dei mercati emergenti. Intel ha una solida posizione finanziaria, una generosa politica di remunerazione degli azionisti e una valutazione di mercato inferiore alla media del settore. Tuttavia, il titolo ha subito una forte correzione nel 2024, dopo aver annunciato una guidance deludente per il primo trimestre, e si trova in una situazione di ipervenduto e di tendenza ribassista. Il titolo potrebbe quindi offrire delle opportunità di investimento, sia per gli acquirenti che per i venditori, a seconda dell’evoluzione del prezzo e dei volumi

Read more >
titolo-ferrari-christian-ciuffa-blog-borsa-mercati-finanziari-

Ferrari: tra risultati record e previsioni ottimistiche, il titolo vola al suo massimo storico

Ferrari è una delle aziende più prestigiose e riconoscibili nel mondo dell’automobilismo, sia per la produzione di auto sportive di lusso, sia per la partecipazione alla Formula 1. Il titolo Ferrari ha raggiunto il suo massimo storico di 391,42 dollari il 29 gennaio 2024, dopo aver annunciato i risultati finanziari del 2023 e le previsioni per il 2024. Tuttavia, il 2 febbraio 2024, il titolo ha subito una correzione del 2,62%, chiudendo a 379,25 dollari. In questo articolo, cerchiamo di analizzare gli aspetti fondamentali, tecnici e le news che riguardano il titolo Ferrari, al fine di valutare la sua solidità, il suo potenziale e le sue opportunità di investimento.

Read more >

Lascia un commento