Back to all insights

Pips nel trading: cosa sono, come si calcolano e a cosa servono

I pips sono le unità di misura delle variazioni di prezzo nel mercato forex e in altri mercati finanziari. Scopri come si determina il valore di un pip e come si calcola la posizione di un operazione.

Se ti interessa il trading online, probabilmente hai sentito parlare di pips, ma sai esattamente cosa sono e come si usano? I pips sono un concetto fondamentale nel trading forex e in altri mercati, perché permettono di misurare le variazioni di prezzo di un asset e di calcolare i profitti e le perdite delle operazioni.

In questo articolo, ti spiegheremo cos’è un pip, come si calcola il suo valore, quali sono le sue tipologie e come si applica al calcolo della posizione di un operazione.

 

forex-computer-christian-ciuffa45

 

Pip nel trading: cos’è un pip

Il termine pip è l’acronimo di percentage in point o price interest point, ed è l’unità di misura standard delle variazioni di prezzo nel mercato forex e in altri mercati finanziari. Un pip corrisponde alla quarta cifra decimale nella maggior parte delle quotazioni valutarie, ad eccezione di quelle che coinvolgono lo yen giapponese, per le quali il pip è la seconda cifra decimale.

Ad esempio, se il prezzo della coppia EUR/USD passa da 1,1850 a 1,1855, significa che è aumentato di 5 pips. Se il prezzo della coppia USD/JPY passa da 109,50 a 109,55, significa che è aumentato di 5 pips. I pips servono a misurare la variazione del valore di una valuta rispetto a un’altra, e quindi a determinare se una valuta si sta rafforzando o indebolendo.

I pips sono anche utili per calcolare i profitti e le perdite delle operazioni di trading, in base alla differenza tra il prezzo di apertura e il prezzo di chiusura di una posizione.

Come si calcola il valore di un pip

Il valore di un pip dipende dalla dimensione della posizione e dal tasso di cambio della coppia valutaria. Per calcolare il valore di un pip, si usa la seguente formula: Valore di un pip = (1 pip / tasso di cambio) x dimensione della posizione.

Ad esempio, se si apre una posizione di 10.000 unità sulla coppia EUR/USD a un tasso di cambio di 1,1850, il valore di un pip sarà: Valore di un pip = (0,0001 / 1,1850) x 10.000 = 0,84 dollari. Questo significa che ogni pip di variazione del prezzo della coppia EUR/USD equivale a un guadagno o una perdita di 0,84 dollari.

Se il prezzo della coppia EUR/USD sale di 10 pips, il profitto sarà di 8,4 dollari. Se il prezzo della coppia EUR/USD scende di 10 pips, la perdita sarà di 8,4 dollari. Il valore di un pip può variare a seconda della valuta di base e della valuta di quotazione della coppia.

Se la valuta di base è diversa dalla valuta del proprio conto di trading, bisogna convertire il valore di un pip nella valuta del conto, usando il tasso di cambio corrente.

Ad esempio, se si apre una posizione di 10.000 unità sulla coppia GBP/USD a un tasso di cambio di 1,3900, e la valuta del conto è l’euro, il valore di un pip sarà: Valore di un pip = (0,0001 / 1,3900) x 10.000 = 0,72 sterline. Per convertire il valore di un pip in euro, bisogna usare il tasso di cambio EUR/GBP, che supponiamo sia 0,8600. Quindi, il valore di un pip in euro sarà: Valore di un pip in euro = 0,72 x 0,8600 = 0,62 euro.

Quali sono le tipologie di pip

Esistono diverse tipologie di pip, a seconda della precisione con cui si vuole misurare la variazione di prezzo di un asset. Le tipologie di pip più comuni sono: 

  • Pip: è l’unità di misura standard, che corrisponde alla quarta cifra decimale nella maggior parte delle quotazioni valutarie, e alla seconda cifra decimale per le coppie che coinvolgono lo yen giapponese.
  • Il Punto: è l’unità di misura più piccola, che corrisponde alla quinta cifra decimale nella maggior parte delle quotazioni valutarie, e alla terza cifra decimale per le coppie che coinvolgono lo yen giapponese.

Un punto equivale a un decimo di un pip. Ad esempio, se il prezzo della coppia EUR/USD passa da 1,18500 a 1,18501, significa che è aumentato di 1 punto.

  • Little Pip: è un’unità di misura intermedia, che corrisponde alla terza cifra decimale nella maggior parte delle quotazioni valutarie, e alla prima cifra decimale per le coppie che coinvolgono lo yen giapponese. Un pipetto equivale a 10 punti o a un centesimo di un pip. Ad esempio, se il prezzo della coppia EUR/USD passa da 1,1850 a 1,1851, significa che è aumentato di 1 pipetto. 

L’uso di punti e little pip permette di avere una maggiore precisione nel misurare le variazioni di prezzo, soprattutto quando si opera con strumenti finanziari ad alta volatilità o con leve finanziarie elevate.

Come si calcola la posizione di un operazione

La posizione di un operazione è la quantità di denaro che si investe in un asset, in base alla dimensione del lotto e al valore di un pip. La dimensione del lotto è l’unità di misura standardizzata che indica la quantità di valuta che si acquista o si vende.

La dimensione del lotto più comune è il lotto standard, che corrisponde a 100.000 unità della valuta di base. Esistono anche dimensioni di lotto più piccole, come il mini lotto (10.000 unità), il micro lotto (1.000 unità) e il nano lotto (100 unità).

Per calcolare la posizione di un operazione, si usa la seguente formula: Posizione di un operazione = valore di un pip x dimensione del lotto x numero di lotti. Ad esempio, se si apre una posizione di 2 lotti standard sulla coppia EUR/USD a un tasso di cambio di 1,1850, la posizione di un operazione sarà: Posizione di un operazione = 0,84 x 100.000 x 2 = 168.000 dollari. Questo significa che si sta investendo 168.000 dollari nella coppia EUR/USD.

La posizione di un operazione è importante perché determina il rischio e il rendimento potenziale di un’operazione. Più grande è la posizione di un operazione, maggiore è il rischio e il rendimento potenziale. Per gestire il rischio, è consigliabile usare strumenti come lo stop loss e il take profit, che permettono di chiudere automaticamente una posizione quando si raggiunge un determinato livello di prezzo, limitando le perdite o proteggendo i profitti.

Clicca qui sotto per il mio ultimo Video

La posizione di un operazione

I pips sono le unità di misura delle variazioni di prezzo nel mercato forex e in altri mercati finanziari. I pips servono a misurare la variazione del valore di una valuta rispetto a un’altra, e a calcolare i profitti e le perdite delle operazioni di trading.

Il valore di un pip dipende dalla dimensione della posizione e dal tasso di cambio della coppia valutaria. Esistono diverse tipologie di pip, a seconda della precisione con cui si vuole misurare la variazione di prezzo di un asset.

La posizione di un operazione è la quantità di denaro che si investe in un asset

more insights

inflazione-2024-previsioni-febbraio-christain-ciuffa-blog-insight

Inflazione 2024: cosa ci dicono i dati di gennaio e quali sono le previsioni per febbraio

L’articolo analizza i dati dell’inflazione a gennaio 2024 negli Usa e in Europa, mostrando una crescita superiore alle attese nel primo caso e in linea con le previsioni nel secondo. Le cause principali sono i prezzi dell’energia e dei beni alimentari. Le previsioni per febbraio sono incerte, ma si prevede una maggiore divergenza tra le due aree. L’Italia potrebbe subire una perdita di potere d’acquisto. Le banche centrali dovranno agire con prudenza e flessibilità.

Read more >
Intel-christian-ciuffa-analisi-tecnica-borsa-trading-investimento

Intel: un titolo da tenere d’occhio nel settore dei semiconduttori

Intel è un’azienda leader nel settore dei semiconduttori, che ha avuto un anno difficile nel 2023, ma che prevede di riprendersi nel 2024, grazie alla ripresa dei mercati tradizionali e alla penetrazione dei mercati emergenti. Intel ha una solida posizione finanziaria, una generosa politica di remunerazione degli azionisti e una valutazione di mercato inferiore alla media del settore. Tuttavia, il titolo ha subito una forte correzione nel 2024, dopo aver annunciato una guidance deludente per il primo trimestre, e si trova in una situazione di ipervenduto e di tendenza ribassista. Il titolo potrebbe quindi offrire delle opportunità di investimento, sia per gli acquirenti che per i venditori, a seconda dell’evoluzione del prezzo e dei volumi

Read more >
titolo-ferrari-christian-ciuffa-blog-borsa-mercati-finanziari-

Ferrari: tra risultati record e previsioni ottimistiche, il titolo vola al suo massimo storico

Ferrari è una delle aziende più prestigiose e riconoscibili nel mondo dell’automobilismo, sia per la produzione di auto sportive di lusso, sia per la partecipazione alla Formula 1. Il titolo Ferrari ha raggiunto il suo massimo storico di 391,42 dollari il 29 gennaio 2024, dopo aver annunciato i risultati finanziari del 2023 e le previsioni per il 2024. Tuttavia, il 2 febbraio 2024, il titolo ha subito una correzione del 2,62%, chiudendo a 379,25 dollari. In questo articolo, cerchiamo di analizzare gli aspetti fondamentali, tecnici e le news che riguardano il titolo Ferrari, al fine di valutare la sua solidità, il suo potenziale e le sue opportunità di investimento.

Read more >

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *