Back to all insights

Gli ETF spot su Bitcoin si raffreddano dopo il debutto record

Gli ETF spot su Bitcoin si raffreddano dopo il debutto record: I fondi che seguono il prezzo del Bitcoin hanno attirato 5,2 miliardi di dollari dal loro lancio l’11 gennaio, ma hanno visto il più basso afflusso giornaliero mercoledì. JP Morgan ha declassato Coinbase, la più grande piattaforma di scambio di criptovalute, a causa della concorrenza degli ETF. Il futuro degli ETF spot su Bitcoin è incerto, dipendendo dal prezzo del Bitcoin e dalla regolamentazione

I nuovi fondi che seguono il prezzo del Bitcoin hanno visto il più basso afflusso lordo giornaliero da quando sono stati lanciati l’11 gennaio.

forex-computer-christian-ciuffa-43

Un debutto da record

Gli ETF spot su Bitcoin, i primi fondi negoziati in borsa che offrono agli investitori un’esposizione diretta al prezzo della criptovaluta più popolare, hanno fatto il loro debutto sul mercato americano l’11 gennaio, dopo aver ottenuto l’approvazione della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti.

I nove nuovi fondi hanno attirato una forte domanda da parte degli investitori, che hanno visto in essi un modo più semplice e sicuro di accedere al mercato del Bitcoin, senza dover acquistare e custodire la moneta digitale.

Dal debutto, i nove nuovi ETF hanno ricevuto afflussi di 5,2 miliardi di dollari, superando il record precedente di 4,9 miliardi di dollari stabilito dagli ETF sull’oro nel 2004.

Un flusso in calo: deludente performance

Tuttavia, l’interesse per i nuovi ETF spot su Bitcoin sembra essersi raffreddato, con mercoledì che segna il più basso afflusso lordo giornaliero del gruppo dall’inizio delle negoziazioni.

I nove nuovi fondi hanno ricevuto ieri afflussi per circa 270 milioni di dollari, secondo un rapporto di JP Morgan Chase & Co. Una volta defluito da Grayscale Bitcoin Trust (GBTC), il primo e più grande veicolo di investimento sul Bitcoin che si è convertito da un trust a un ETF dopo l’approvazione della SEC, mercoledì i deflussi netti complessivi sono stati di circa 153 milioni di dollari. È il terzo giorno consecutivo di deflussi netti per i 10 fondi.

I deflussi provengono esclusivamente da GBTC, che ha perso il suo vantaggio competitivo rispetto ai nuovi ETF.


JP Morgan ha definito “deludente” la performance del flusso del gruppo, citandola come motivo alla base del loro declassamento all’inizio di questa settimana di Coinbase Global Inc., la più grande piattaforma di scambio di criptovalute, secondo il rapporto degli analisti giovedì.

La banca ha tagliato il suo rating su Coinbase da “overweight” a “neutral”, riducendo il suo target di prezzo da 335 a 285 dollari. Gli analisti hanno affermato che il lancio degli ETF spot su Bitcoin avrebbe eroso la quota di mercato di Coinbase, riducendo i suoi ricavi e i suoi margini.

Inoltre, hanno sottolineato che il prezzo del Bitcoin è rimasto relativamente stabile intorno ai 40.000 dollari, nonostante il forte afflusso negli ETF, il che suggerisce una debole domanda sottostante per la criptovaluta.

Clicca qui sotto per il mio ultimo Video

Un futuro incerto

Il futuro degli ETF spot su Bitcoin è incerto, dato che dipende in gran parte dall’andamento del prezzo del Bitcoin e dalla regolamentazione del settore delle criptovalute.

Alcuni osservatori ritengono che gli ETF spot su Bitcoin possano contribuire a rendere il mercato del Bitcoin più maturo, trasparente e liquido, attirando nuovi investitori istituzionali e al dettaglio.

Altri, invece, temono che gli ETF spot su Bitcoin possano aumentare la volatilità e il rischio del mercato del Bitcoin, esponendo gli investitori a potenziali perdite e frodi. Inoltre, la SEC potrebbe imporre nuove regole o limitazioni agli ETF spot su Bitcoin, in base alla sua valutazione dell’impatto di questi fondi sulla stabilità finanziaria e sulla protezione degli investitori.

more insights

inflazione-2024-previsioni-febbraio-christain-ciuffa-blog-insight

Inflazione 2024: cosa ci dicono i dati di gennaio e quali sono le previsioni per febbraio

L’articolo analizza i dati dell’inflazione a gennaio 2024 negli Usa e in Europa, mostrando una crescita superiore alle attese nel primo caso e in linea con le previsioni nel secondo. Le cause principali sono i prezzi dell’energia e dei beni alimentari. Le previsioni per febbraio sono incerte, ma si prevede una maggiore divergenza tra le due aree. L’Italia potrebbe subire una perdita di potere d’acquisto. Le banche centrali dovranno agire con prudenza e flessibilità.

Read more >
Intel-christian-ciuffa-analisi-tecnica-borsa-trading-investimento

Intel: un titolo da tenere d’occhio nel settore dei semiconduttori

Intel è un’azienda leader nel settore dei semiconduttori, che ha avuto un anno difficile nel 2023, ma che prevede di riprendersi nel 2024, grazie alla ripresa dei mercati tradizionali e alla penetrazione dei mercati emergenti. Intel ha una solida posizione finanziaria, una generosa politica di remunerazione degli azionisti e una valutazione di mercato inferiore alla media del settore. Tuttavia, il titolo ha subito una forte correzione nel 2024, dopo aver annunciato una guidance deludente per il primo trimestre, e si trova in una situazione di ipervenduto e di tendenza ribassista. Il titolo potrebbe quindi offrire delle opportunità di investimento, sia per gli acquirenti che per i venditori, a seconda dell’evoluzione del prezzo e dei volumi

Read more >
titolo-ferrari-christian-ciuffa-blog-borsa-mercati-finanziari-

Ferrari: tra risultati record e previsioni ottimistiche, il titolo vola al suo massimo storico

Ferrari è una delle aziende più prestigiose e riconoscibili nel mondo dell’automobilismo, sia per la produzione di auto sportive di lusso, sia per la partecipazione alla Formula 1. Il titolo Ferrari ha raggiunto il suo massimo storico di 391,42 dollari il 29 gennaio 2024, dopo aver annunciato i risultati finanziari del 2023 e le previsioni per il 2024. Tuttavia, il 2 febbraio 2024, il titolo ha subito una correzione del 2,62%, chiudendo a 379,25 dollari. In questo articolo, cerchiamo di analizzare gli aspetti fondamentali, tecnici e le news che riguardano il titolo Ferrari, al fine di valutare la sua solidità, il suo potenziale e le sue opportunità di investimento.

Read more >

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *